Resta in contatto

Approfondimenti

Hateboer, le risposte arrivano dal campo. E la Dea vince e convince

hateboer

Dopo il buon esordio contro il Torino serviva dare continuità e all’Olimpico arriva un altro bel poker. Ora testa al Cagliari per chiudere questo primo trittico

La prima giocata in casa del Torino aveva già fornito buoni elementi: un’Atalanta rodata, già in un buon momento di forma nonostante una preparazione ridotta e, soprattutto, concreta in zona gol. Ma, siccome non basta una rondine a far primavera, era necessaria almeno un’altra prova di spessore a confermare quanto di buono visto in Piemonte e contro la Lazio è arrivata. A parte qualche piccola sbavatura che, considerando comunque la buona caratura dell’avversaria, non rappresenta qualcosa di preoccupante, l’Atalanta è apparsa una squadra compatta, capace di giocare con qualità, soffrire quando necessario, ma anche ripartire e chiudere i giochi.

SUPERPAPU. Il tutto passa dalle mani, pardon dai piedi, di Gomez, ancora una volta grande protagonista e abile nel mettere lo zampino in tutte le azioni importanti dell’Atalanta: partecipa allo 0-1, realizza lo 0-3 e si inventa l’1-4. Il numero dieci nerazzurro si dimostra ancora una volta un giocatore abile a indossare più abiti in una stessa serata: da finalizzatore a rifinitore, ad autentico artista.

HATEBOER. Il mal di pancia estivo, o presunto tale, di Hans Hateboer può finire direttamente in archivio. Poche parole e tanti fatti per l’esterno olandese che, in queste prime due uscite stagionali, ha chiaramente mostrato a tutti cosa vuole nel suo immediato futuro. Al di là delle dichiarazioni, peraltro più che legittime in un calcio come quello dei giorni nostri, il laterale orange ha risposto con due prestazioni di altissimo livello: corsa, quantità e ben due reti (l’anno scorso in campionato restò a secco).

MERCATO. Inevitabile un piccolo richiamo a quanto può accadere in questi ultimi giorni. Difficile pensare che possa uscire qualcuno di quelli ritenuti oggi in organico (praticamente impossibile che qualcuno si possa presentare a Zingonia con offerte monstre), è fatta per Depaoli che si aggiungerà al pacchetto degli esterni (prestito oneroso da circa 600 mila euro con diritto riscatto fissato a 6 milioni). Difficile, ma non impossibile che possa arrivare qualcuno in mezzo al campo. Continua la ricerca del centrocampista richiesto da Gasperini, la cui lista si è ridotta a qualche nome: vedremo se nelle ultime ore arriverà una fumata bianca.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Genova, categoria esordienti, battuta la Lazio in finale e Dossena che non si presenta alla premiazione.... Che bei tempi Marino... Chissà se ricordi..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "idem!!! potrei averlo scritto io!"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "È stato un grande giocatore, versatile ed un ragazzo educato, corretto e sempre leader nel nostro spogliatoio...."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti